Entro il 4 dicembre 2015 possono essere presentate in comune le domande di contributo del distretto sociale VT/4 sulle situazioni di emergenza abitativa per l'anno in corso.

BANDO PER INTERVENTI DI ASSISTENZA ABITATIVA NEL DISTRETTO VT4

Art. 1 -Principi e finalità

Il Distretto Socio Sanitario VT4 predispone interventi per l’emergenza abitativa, nello specifico per il sostegno affitto in condizioni di comprovato disagio abitativo, in virtù del finanziamento Regionale concesso ai sensi della Determinazione G05811 del 20/12/13.

 

In riferimento all’utilizzo di suddetto finanziamento i 13 Comuni del Distretto VT4 (Barbarano Romano, Bassano Romano, Blera, Capranica, Caprarola, Carbognano, Monterosi, Oriolo Romano, Ronciglione, Sutri, Vejano, Villa San Giovanni in Tuscia e Vetralla), con apposito  Regolamento approvato con Deliberazione del Sindaco n. 28 del 19 marzo 2014, ha approvato e disciplinato quanto segue:

la quota corrispondente all’80% del  finanziamento  assegnato  dalla Regione Lazio al Distretto VT 4 con Determinazione G05811 del 20/12/13, pari ad Euro 180.799,20 è suddivisa e distribuita ad ogni singolo Comune del Distretto su base demografica per essere destinata agli interventi di sostegno-affitto, previo bando pubblico comunale e successiva graduatoria:

 

Comuni

Suddivisione Finanziamento Emergenza abitativa su base demografica.

Barbarano Romano

3.035

Bassano Romano

13.943

Blera

9.415

Capranica

18.229

Caprarola

15.242

Carbognano

5.621

Monterosi

12.475

Oriolo

10.583

Ronciglione

24.312

Sutri

18.830

Vejano

6.347

Vetralla

38.998

Villa San Giovanni in Tuscia

3.769

totale

180.799,20

 

La quota corrispondente al 20% del finanziamento assegnato dalla Regione Lazio al Distretto VT 4 con Determinazione G05811 del 20/12/13, pari ad Euro 45.199,80 costituisce un fondo unico distrettuale destinato ad interventi di sostegno per  locazione d’urgenza e resta in capo al Comune di Vetralla, Comune Capofila VT4, che dispone gli interventi  su presentazione di domanda da parte delle Assistenti Sociali dei Comuni del Distretto VT4, fino ad esaurimento del fondo disponibile.

 

Art. 2 -Tipologie di interventi -

Contributi economici ai singoli o alle famiglie residenti nei Comuni del Distretto VT4,  in condizioni di comprovato disagio economico, per sostenere i costi di locazione, fino ad un massimo di Euro 800,00.

Art. 3 -Destinatari degli interventi -

1.    Accedono agli interventi di cui all’articolo 2, compatibilmente con le risorse finanziarie destinate a tali interventi, i cittadini residenti nei Comuni del Distretto Socio Sanitario VT4 da almeno 36 mesi continuativi, che si trovino in una situazione di:

a)  incapacità temporanea di sostenere il canone di locazione dell’abitazione;

  1. La situazione di comprovato disagio economico deve essere verificata attraverso la valutazione dell’Isee del nucleo, proprietà o possesso di beni mobili registrati, e altri tipi di valutazioni circa l’evento che ha portato al peggioramento delle condizioni economiche con conseguente impossibilità di sostenere il canone di locazione.
  2. Nell’ipotesi in cui si tratti di nuclei con presenza di minori prevalgono le disposizioni dettate   dalla normativa in materia di tutela dei minori.

 

Art. 4 -Requisiti d’accesso -

Per accedere agli interventi di cui al cap. 2  i soggetti interessati dovranno possedere i seguenti requisiti:

1)  Residenza almeno di 36 mesi continuativi sul territorio  del Distretto Socio Sanitario VT4  .

2)  ISEE calcolato con il metodo contenuto nel D.P.R. 159/2013  in corso di validità non superiore ad euro 7.500,00  

3)  Non essere titolari, assieme al proprio nucleo familiare, di diritti di proprietà, usufrutto, uso o abitazione di un alloggio adeguato alle esigenze del nucleo familiare situato nell’ambito territoriale dei Comuni del Distretto Socio Sanitario VT4, si intende adeguato l’alloggio la cui superficie utile abitabile intesa quale la superficie di pavimento misurata al netto dei muri perimetrali e di quelli interni, delle soglie di passaggio da un vano a l’altro, degli sguinci di porte e finestre sia non inferiore a 30 mq. per 1 persona, non inferiore a 45 mq. per 2 persone, non inferiore a 55 mq. per 3 persone, non inferiore a 65 mq. per 4 persone, non inferiore a 75 mq. per 5 persone, non inferiore a 95 mq. per 6 persone e oltre;

4)  Non essere titolari assieme al proprio nucleo familiare di diritti di proprietà su uno o più alloggi o locali a uso abitativo, sfitti, o concessi a terzi, ubicati in qualsiasi località.

5)  Per i cittadini extracomunitari è altresì richiesto il permesso di soggiorno per soggiornanti di lungo periodo ( ex carta di soggiorno) ai sensi della vigente normativa in materia.

A pena di esclusione tutti i requisiti devono essere posseduti sia al momento della domanda che al momento dell’assegnazione del contributo, e permanere in costanza del rapporto. Coloro che al momento della presentazione della domanda o durante la permanenza in graduatoria occupino abusivamente un alloggio pubblico o comunque nella disponibilità della Pubblica Amministrazione saranno esclusi per 5 anni da qualsiasi intervento abitativo nonché cancellati dalla graduatoria. Saranno altresì esclusi per 5 anni coloro che abbiano rifiutato senza giustificato motivo un alloggio popolare; per questi ultimi il termine decorre dalla data della determina di esclusione. In tal caso i richiedenti potranno presentare domanda solo dopo 5 anni dalla data di comunicazione del provvedimento di esclusione, revoca o decadenza.

 

Art. 5- Procedimento per l'accesso agli interventi di sostegno al canone  di locazione.

1)  Presso ogni Comune del Distretto Socio Sanitario VT 4 è emesso in contemporanea, e una tantum,  il presente bando Pubblico per inoltrare richiesta di intervento di cui all’ art. 2.

Le persone ed i nuclei familiari che si trovano, al momento del bando,  nella situazione  di cui all'articolo 3, dovranno presentare domanda, secondo quanto previsto dal presente bando pubblico, al Comune di residenza. Le modalità ed i criteri per l’assegnazione di suddetti contributi sono  quelli previsti dalla legge 431/98.

2)  E' istituita presso ogni Comune del Distretto Socio Sanitario VT4 la Commissione per gli interventi    di cui all’art. 2, che esamina le domande pervenute e stabilisce il tipo di intervento per far  fronte alle situazioni di bisogno.

3)  La Commissione Comunale è composta da:

a)   il Responsabile del settore politiche sociali, o suo delegato, con funzioni di presidente

b)   assistente sociale comunale

c)    delegato con funzione di segretario verbalizzante.

4)  La Commissione provvede, sulla base delle domande istruite a seguito del presente bando pubblico a formare la graduatoria, ratificare gli interventi  attivati dal Dirigente o suo delegato, esaminare i ricorsi sulla base delle procedure previste dal presente regolamento.

5)  Prima di procedere all’assegnazione dei contributi, la Commissione procede alla verifica dei requisiti e delle condizioni soggettive e oggettive dichiarate dal richiedente, anche avvalendosi di soggetti terzi.

 

Art. 6 -Esito dei procedimenti e modalità di assegnazione-ricorsi

1)  Per gli interventi di cui all’art. 2 , assegnati previa partecipazione a bando pubblico comunale, la Commissione, a seguito dell’istruttoria delle domande pervenute,  forma la graduatoria provvisoria. Il Dirigente la approva con propria determinazione e ne dispone la pubblicazione all’albo pretorio del Comune e sul sito Internet dei Comuni del Distretto Socio Sanitario VT4.

2)  La graduatoria rimane pubblicata per 10 giorni consecutivi. L’interessato potrà presentare ricorso indirizzato al Dirigente dei Servizi Sociali del Comune di residenza, entro 15 giorni dalla data di inizio della pubblicazione della graduatoria. La Commissione provvede all’esame del ricorso entro 30 giorni dalla scadenza del termine stabilito per l’opposizione.

3)  Il ricorso va presentato presso gli Uffici del Protocollo Comunale entro il termine previsto al comma 2, e deve essere sottoscritto a pena di nullità.

4)  La Commissione forma la graduatoria definitiva, previa analisi dei ricorsi pervenuti.

La graduatoria definitiva viene approvata e pubblicata con determinazione del Dirigente di ogni Comune del Distretto VT4.

5)  La graduatoria è valida solo ai fini dell’assegnazione, una tantum,  dei contributi previsti dal Bando di riferimento.

6)  L'intera procedura di istruttoria, valutazione e decisione in merito alle domande di intervento deve svolgersi entro 180 giorni dalla presentazione della domanda.

 

Art. 7-Trattamento dei dati personali -

1)   I dati personali raccolti in applicazione del presente regolamento saranno trattati esclusivamente per le finalità ivi previste.

2)   Il richiedente ha facoltà di esercitare il diritto di accesso di cui all’art.7 D.L.G.S. 196/2003 e successive modificazioni.

 

Art.  8- Pubblicità e informazioni

Il Regolamento dell’assistenza abitativa e la modulistica relativa al presente bando è disponibile sul sito istituzionale comunali www.comunebarbaranoromano.it. Per informazioni:  tel. 0761 414601 .

 

Art. 9 – Modalità e termini di presentazione delle domande

La domanda di inserimento nella graduatoria (all. A) per la concessione di un contributo per il sostegno del pagamento del canone di locazione dovrà pervenire all’ufficio protocollo del comune di Barbarano Romano entro e non oltre le ore 12 del giorno 4 dicembre 2015 a mezzo raccomandata A/R o PEC Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. . La domanda  potrà anche essere consegnata direttamente a mano all’ufficio protocollo del Comune di Barbarano Romano entro e non oltre i termini indicati.

Notiziario